la mia settimana virtuale dal 29 gennaio al 5 febbraio 2021 – 54

settimana iniziata spenta e finita di fuoco; segnalo il dibattito sull’aborto sul blog di 8. gaberricci e quella, un po’ degenerata, sul giudizio storico da dare su Mario Monti sul blog di 7. GIOMAG59; e una new entry di rilievo: 5. Bruno Sebastiani; 4. mcc43 sulla Russia e Navalny;

non dico che il resto è ruotine, perché le pietanze sono varie e gustose anche altrove, pur se le discussioni sono state soltanto più brevi, ma non meno dense: 1. chiedoaisassichenomevogliono sull’Infinito di Leopardi; 3. inerro.land e la sua Svezia sempre magica; 6. ricco&spietato; 9. Monkey’s Tale, con le loro escursioni straordinarie; 10. fravikings su Budapest.

. . .

10. fravikings, La perla del Danubio 4 febbraio 2021

corpus2020 4 febbraio 2021 alle 22:12
scusa se mi permetto, ma manca quella che per me è stata in assoluto la cosa più bella di Budapest: il parco di Városliget col suo lago e con la riproduzione di tutti i principali castelli ungheresi: è un posto assolutamente fiabesco, soprattutto se visto in pieno gelo invernale (a proposito… :-), col lago completamente ghiacciato e con migliaia di persone a pattinarci sopra… – ciao!

fravikings 4 febbraio 2021 alle 23:47
L’avrei inserita volentieri ma purtroppo non ci sono stato 😭😭

corpus2020 5 febbraio 2021 alle 7:21
next time, may be 🙂

. . .

9. Monkey’s Tale, Ski Touring on the Wapta Icefields

BORTOROUND February 3, 2021
no words, only wow 🙂

. . .

8. gaberricci, Crisi di coscienza? February 2, 2021

corpus2020 February 2, 2021 at 4:50 pm
questo post mi ha messo in crisi per un punto; ci sto pensando da un po’ ma non so risolvere.
premetto che sono del tutto favorevole alla legislazione che legittima l’aborto e, a differenza di kikkakonekka, anche nel caso che non vi sia nessun pericolo di vita né per la madre né per il feto, e intendo parlare per il feto di pericolo ben fondato di non poter condurre una vita prevedibilmente serena, perché mettere al mondo qualche disgraziato destinato a soffrire è mostruoso e disumano.
eppure non riesco a parlare dell’aborto come di un “diritto” della madre.
capisco che, se ci mettiamo su un piano giuridico. la definizione appaia inevitabile.
però è proprio questo piano che crea un conflitto col diritto potenziale del nascituro.
– a me pare che l’aborto dovrebbe essere semplicemente un fatto naturale, come il sesso o la morte: nessuno definirebbe il sesso un diritto, vero?
la legge non dovrebbe stabilire che le donne ha il DIRITTO di abortire (i diritti esistono anche in quanto vengono negati); dovrebbe prendere atto che le donne abortiscono, se vogliono, e aiutarle nelle loro scelte, che sono scelte, non diritti.
parliamo di DIRITTO all’aborto soltanto perché ci sono legislazioni intrusive che pretendono di togliere la libertà.
ecco, forse sono arrivato al punto che non riuscivo a chiarirmi: io preferirei che si parlasse di libertà di abortire piuttosto che di diritto di abortire.
fino a che parliamo di diritto della donna di abortire ci muoviamo pur sempre in un ambito concettuale nel quale riteniamo che la legge abbia il diritto di occuparsi di questi comportamenti delle donne e dunque ammettiamo pur sempre che la legge possa interferire con la libertà della donna di generare oppure no.
ecco, ora mi si chiarisce ancora meglio: tu hai detto nel post che non sei sicuro di voler generare un figlio. definiresti questa tua scelta eventuale di non generare un diritto?
e allora perché pensi che la donna che intende fare la tua stessa scelta debba farlo in nome di un diritto?

ammennicolidipensiero February 2, 2021 at 5:19 pm
bort, questo commmento per me è stato illuminante. non avevo mai riflettuto su questa differenza tra libertà e diritto, e credo che tu abbia centrato in pieno il nodo concettuale che ruota attorno all’evento aborto (che, per altro, nella misura in cui è per la stragrande maggioranza dei casi spontaneo ed indipendente dalla volontà della madre, dovrebbe per ciò stesso essere considerato come evento naturale e non prettamente artificioso).

gaberricci February 2, 2021 at 6:25 pm
Hai ragione su tutta la linea: evidentemente anche io soffro dei pregiudizi che imputo agli altri.

corpus2020 February 2, 2021 at 8:30 pm
be’, ma se non ci fosse stato il tuo post, io non sarei stato costretto quasi a riflettere sul punto. in qualche modo considero un risultato condiviso e comune questa che è stata una acquisizione nuova anche per me.

gaberricci February 3, 2021 at 2:12 pm
È a questo che dovrebbero servire i blog, no?

corpus2020 February 3, 2021 at 6:15 pm
mi pare proprio di sì 🙂 – almeno quelli buoni.

gaberricci February 3, 2021 at 9:19 pm
Sai la famosa storia delle mele e delle idee, no?

corpus2020 February 3, 2021 at 9:25 pm
no, e neppure google mi aiuta; che non sia così famosa? ahaha

gaberricci February 4, 2021 at 3:50 pm
“Se io ho una mela e tu hai una mela, ed io do una mela a te e tu una mela a me, ora tutti e due abbiamo una mela.
Ma se io ho un’idea e tu hai un’idea, ed io do un’idea a te e tu un’idea a me, ora tutti e due abbiamo due idee”.

corpus2020 February 5, 2021 at 6:57 am
non la conoscevo. bella.
c’è una variante dotta, credo di sant’Agostino, che dice che la conoscenza più la con-dividi e più si moltiplica. oddio, non è proprio una citazione letterale, ma ci somiglia…

rmammaro February 3, 2021 at 9:33 am
è una bella distinzione tra scelta e diritto. direi che i diritti nascono (anche) per garantire le scelte. poi, il diritto all’aborto, sarà positivo o naturale? se dovessimo giudicare dalla storia, dovremmo dire positivo, anche se personalmente sarei più dell’idea che si tratta di un diritto naturale.

. . .

7. GIOMAG59, Cronachette dell’anno nuovo (9) 2 FEBBRAIO 2021

corpus2020 2 FEBBRAIO 2021 ALLE 17:26
che lusso di poltrona! – è come una dichiarazione pubblica che non pensi che l’epidemia passerà tanto in fretta…

giomag59 2 FEBBRAIO 2021 ALLE 18:30
Quella che ho preso è più spartana, spero debba resistere solo qualche mese… 😦

. . .

GIOMAG59, Cronachette dell’anno nuovo (10) 4 FEBBRAIO 2021

corpus2020 5 FEBBRAIO 2021 ALLE 8:32
t’è mai venuto in mente, porco d…, che Monti doveva salvare il paese con un parlamento dove la maggioranza l’aveva Berlusconi?
e allora perché rinfacciare a lui le colpe di quei coglioni di elettori che avevano votato per la destra? – possibile che sei ancora qua a ripetere a papera la propaganda di quegli stessi berluscones che hanno voluto che il salvataggio del paese fosse fatto in questo modo e poi hanno buttato la rogna addosso all’unico onesto che ci ha messo la faccia? – poi di’ pure che non ti va di approfondire troppo le questioni, ma allora non diffondere la propaganda leghista, per favore! lo sfascio dei conti pubblici è opera loro che stavano con Berlusconi a scialare. – quei provvedimenti di Monti sono stati votati dal parlamento quasi all’unanimità: come mai? e perché adesso chi li ha votati non se ne assume la responsabilità? e preferisce dare addosso al capro espiatorio.

giomag59 5 FEBBRAIO 2021 ALLE 10:26
Primo, se vuoi continuare a commentare da me cerca di tenere un linguaggio corretto, altrimenti stai a casa tua. Secondo, se vuoi continuare a fare il panegirico di Monti fallo pure, ha salvato la tua pensione, ti capisco; ha rovinato tanta altra gente, poco importa. Se continuare a dire l’ovvio, ovvero che non ha toccato in niente chi i soldi ce li ha, faccio propaganda leghista, sì. Se dire che politicamente è stato un incapace fondando il suo partitino dello 0,01 invece di rispettare l’accordo con Napolitano che l’avrebbe portato al Quirinale (ma di questo lo ringrazio) significa fare propaganda leghista, la faccio. Al parlamento ha fatto comodo? Si, al PD per togliere di mezzo Berlusconi dato che politicamente non ci riusciva, e come avrebbe potuto, mezzo berlusconizzato com’era. Adesso per favore chiudila qua perché tanto su questo argomento non rispondo più, grazie.

corpus2020 Il tuo commento deve ancora venire moderato. 6 FEBBRAIO 2021 ALLE 8:14
replico soltanto su un punto personale, perché non mi va di essere diffamato neppure su blog altrui: nel 2011 nel caso ti fosse sfuggito, io lavoravo ancora, con 47 anni di anzianità lavorativa, allora, ritenendolo un dovere sociale; lavoravo anche se la pensione a cui avevo diritto era perfino più alta, grazie all’anzianità, dello stipendio base e quindi rimettendoci. credo di avere svolto nella decina d’anni in cui sono rimasto sul pezzo, anziché spassarmela intorno al mondo, come in fondo avrei avuto diritto di fare, un lavoro importante socialmente e non privo di demerito, visto che gestivo due scuole superiori con 2milla studenti in tutto, pigliando la metà di quel piglia un preside tedesco nella stessa posizione, quando lui lì gestisce scuole al massimo di 400 studenti; e quindi venendo pagato di fatto un decimo di quel che piglia lui per lo stesso lavoro.
ero contento di essere socialmente utile e non me lamento: mi lamento degli stipendi della scuola italiani, vergognosi, soprattutto quelli degli insegnanti, per i quali ringrazio la fitta borghesia leghista e i lavoratori autonomi che evadono le tasse, ma poi si lamentano se passa qualcuno di serio che sfiora certi loro privilegi.
anche se gli esodati, non so se lo sai, erano in stragrande maggioranza lavoratori del pubblico impiego. – ti dev’essere anche sfuggito che le pensioni uno se le paga lavorando con i contributi che versa prima e che portargliele via sarebbe un furto con destrezza, e che i pensionati di cui mi preoccupavo allora, senza esserlo, e mi preoccupo oggi, sono in Italia 20 milioni. presto, suppongo, ci sarai in mezzo anche tu e forse alcuni dei tuoi pregiudizi cadranno. – sul resto è giusto tacere e forse sarebbe stato bello da parte mia farlo prima, visto che non è bello parlare ai muri e ai cuori e menti chiuse.

Guido Sperandio 5 FEBBRAIO 2021 ALLE 9:17
Corpus mette a fuoco (crudamente? crudelmente?) quella che era la mia impressione allora e persiste tuttora.
Berlusconi, secondo il suo uso, proclamava l’agosto di quell’anno che l’Italia era prospera e felice, le spiagge affollate, i ristoranti pure, ma quel settembre lo spread schizzava e Monti s’è trovato dentro a dover provvedere da un giorno all’altro e ad evitare il default, a operare in piena emergenza (vedi anche Amato anni prima col prelievo dai conti correnti dello 0,60 a banche chiuse tra il venerdì e il lunedì). Berlusconi, ben contento di lasciar fare il “lavoro sporco” a Monti, di lasciare a Monti di incerottare lo sfascio che lui Berlusconi aveva procurato, lui e la Lega (a proposito della quale vedi il marciume e lo schifo della Sanità in Lombardia).
È il tipico caso del sasso tirato, tutti vedono il sasso e ignorano la mano che l’ha lanciato.

corpus2020 6 FEBBRAIO 2021 ALLE 8:33 – crudamente sì, crudelmente spero di no, nonostante i toni accesi. – aggiungo che Berlusconi diede le dimissioni liberamente, nel momento in cui vide le azioni Mediaset sul punto di essere travolte dal default in cui l’Italia stava entrando, rifiutò di assumersi le sue responsabilità, che erano immani, e cominciò a parlare poco dopo a vanvera di un colpo di stato contro di lui, quando era semplicemente scappato lui, sostenuto dai vari Borghi e Bagnai e leghisti di ogni ora, prima e ultima. solo la Lega, a onor del vero, votò allora contro certe leggi, che vennero approvate quasi all’unanimità e perfino dalla destra post-fascista – cioè dalla Meloni, che era ministro di Berlusconi, per chiarire agli immemori. tanto non rischiavano niente. – naturalmente tutto è tornato buono poi per fare propaganda disgustosamente demagogica contro i provvedimenti che loro stessi avevano approvato, e sono tornati fuori i famosi esodati, cioè gente che aveva scelto di andare in pensione IN ANTICIPO e che si trovò spiazzata al momento, per un errore tecnico della legge, che la Fornero ha giustificato varie volte ricordando che dovettero agire in pochi giorni, sempre per l’imminenza del fallimento dello stato. e sono stati comunque ampiamente tutelati da provvedimenti successivi, che trovo anche troppo generosi: io li avrei più volentieri rimandati al lavoro.
certo, se guardiamo a quel che in parallelo a noi successe in Grecia, non dovremmo mai smettere di portare i ceri davanti all’immaginetta di Mario Monti, un onesto conservatore di destra, col consenso di Berlusconi, che ci ha salvato dalla catastrofe finendo sputacchiato fino alla fine dei suoi giorni; allora ricordo la stampa e i media che lo chiamavano super-Mario (anche lui!).
e fu talmente onesto da rinunciare alla presidenza della repubblica ritenendo più utile un impegno in politica, dove si comportò in modo molto maldestro, non essendo abile nei maneggi e nel truffare gli elettori.
questo è un giudizio storico, spero abbastanza obiettivo.
la domanda di attualità più interessante è questa: a Draghi succederà la stessa cosa fra un paio d’anni? tutto fa pensare di sì.
le orde fameliche dei politici che lo circondano adesso, invocando di entrare nel governo dei competenti, gli si rivolteranno contro appena potranno.

Guido Sperandio 6 FEBBRAIO 2021 ALLE 17:15
Bertold Brecht: «Fortunato il Paese che non ha bisogno di eroi»
Salvo miracoli ma miracoli e miracoli davvero! a Draghi succederà lo stesso, la sabbia nella clessidra già ha incominciato a scorrere…
🙂

. . .

6. ricco&spietato, Profilatemi Meglio 2 febbraio 2021

corpus2020 2 febbraio 2021 alle 16:34
la chiamano intelligenza, ed anche artificiale. – come se non ne avessimo abbastanza di quella che si definisce tale ed è naturale. – e come se tra il nome e l’aggettivo non potesse esserci una incompatibilità assoluta. – perché se quella è artificiale, allora è fatta da quella naturale; e quindi te la raccomando!

ricco&spietato 2 febbraio 2021 alle 23:21
… quella naturale – secondo me – è quella che mi dice che se investo duecento euro in amazon fra un anno mi ci compro una ferrari.

corpus2020 3 febbraio 2021 alle 22:16
non so se sbaglio, ma ho l’impressione che anche quella artificiale ti direbbe la stessa cosa, ma che – non so per quale motivo – lo farebbe in modo più persuasivo.

. . .

Bruno Sebastiani è l’autore di un blog molto interessante e documentato; vale la pena di seguirlo: https://ilcancrodelpianeta.wordpress.com/

5. Bruno Sebastiani, Contra philosophos, ovvero i filosofi e la superiorità della razza umana mercoledì 27 gennaio 2021

bortocal 1 febbraio 2021 20:28 – ho letto con interesse l’articolo suggerito, ricco di riferimenti puntuali, tra i quali tuttavia non trovo quello del maggiore teorico moderno della contrapposizione fra uomo e natura: Marx, con la sua XII tesi su Feuerbach che affida ai filosofi il compito non di interpretare il mondo, ma di trasformarlo; e la natura è chiaramente la prima vittima individuata di questa trasformazione. – quanto a Schopenhauer, le citazioni fatte sembrano indicare effettivamente una continuità del suo pensiero con l’antropocentrismo cognitivo della tradizione filosofica precedente, se si può chiamarlo così, ma a me pare che vadano contestualizzate: perché è vero che S. afferma che nell’uomo la volontà trova la sua più chiara e perfetta oggettivazione, ma è poi pur vero che lo scopo della sua filosofia è di proporre il superamento della volontà: in altre parole a me pare che Schopenhauer qui soprattutto descriva l’immagine filosofica dominante nell’Occidente, ma per poi distaccarsene.
e in questo superamento della volontà non è improprio, credo, vedere un’influenza precisa del pensiero orientale e di Buddha, che propone all’uomo il nirbana come strumento per l’annullamento della volontà di vivere, vista come causa di sofferenza; ed è tipico del buddismo e delle religioni orientali in genere anche un senso di fratellanza e di identificazione dell’uomo nella natura, ben espresso anche dal ciclo delle rinascite, che si oppone nettamente all’idea giudaico-cristiana del DOMINIO dell’uomo sulla natura. – che ne dici?

mago 2 febbraio 2021 07:35 – DOMINIO? Genesi 2,15: “Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse”. Purtroppo il Vecchio Testamento si presta troppo ad interpretazioni di parte, ma l’unica funzione valida per un cristiano sono i molteplici riferimenti al Messia e quindi ai suoi insegnanti e esempi che sono nel Nuovo. Vedere la natura come una fonte di guadagno, avidità, dominio è una conseguenza diretta del peccato e mettere in bocca a Dio questi propositi scellerati è una prerogativa di tutte le religioni, che sempre alla fine si allontanano dai principi spirituali per tornare nel dominio del mondo materiale. Dio è in tutte le religioni, ma nessuna è Dio. Secondo la Madonna la più conforme al volere di Dio è quella cristiana, ma il modo più sicuro è quello raccomandato nella prima beatitudine, che è un insegnamento presente in ogni religione.

bortocal 2 febbraio 2021 17:12

«Siate fecondi e moltiplicatevi,
riempite la terra e soggiogatela,
dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo
e su ogni essere vivente che striscia sulla terra».
Genesi 2,15

Vedendo un fico sulla strada, gli si avvicinò, ma non vi trovò altro che foglie, e gli disse: Non nasca mai più frutto da te.
Matteo, 21, 19

e non mi pare proprio che l’insegnamento della prima beatitudine sia proprio di tutte le religioni: certamente non di quella ebraica, ad esempio. e poi a quale versione ti riferisci? quella di Luca? Beati voi poveri. o quella di Matteo? Beati i poveri in spirito. sono molto diverse fra loro, giusto per dire.

. . .

4. mcc43, Identikit politico di Navalny, pupillo del mainstream 1 febbraio 2021

corpus2020 1 febbraio 2021 alle 5:39 pm
articolo prezioso, grazie.

mcc43 1 febbraio 2021 alle 5:54 pm
Sono contenta dell’approvazione, ma ancor di più ti piacerà il link che trovi in fondo ai commenti

mcc43 1 febbraio 2021 alle 5:52 pm
Oggi pomeriggio ho trovato questa ricostruzione veramente notevole, soprattutto sulla parte riguardante i processi e le fonti di finanziamento, notizie che coi miei limitati mezzi non avevo trovato

. . .

3. inerro.land, Come fotografare: L’esposizione spiegata in modo semplice! (video) / Exposure Compensation explained the Easiest Way! (video) 3 febbraio 2021

corpus2020 3 febbraio 2021 alle 21:49
molto utile, effettivamente…

inerro.land 4 febbraio 2021 alle 19:20
Grazie mille Mauro 😊

. . .

inerro.land, Condizioni perfette / Perfect conditions 1 febbraio 2021

corpus2020 1 febbraio 2021 alle 19:58
condizioni perfette, vero: nebbia e neve. condivido: assicurano bellissime foto. – ma serve un’altra condizione: un fotografo come Manuel 🙂

inerro.land 2 febbraio 2021 alle 18:48
Grazie mille Mauro, di cuore ❤️

. . .

inerro.land, Quando… / When… 30 gennaio 2021 – Quando lei insiste, ma lui proprio non ne può più…  😂😂😂

corpus2020 30 gennaio 2021 alle 20:01
ma ti rendi conto di che rischi corri con questa interpretazione dei fatti? 🙂 – dev’essere lui che insiste e lei che fa la riottosa, altrimenti le foto non sono politically correct, ahaha. – comunque sul sesso dei due non ci sono dubbi, almeno… 🙂

inerro.land 30 gennaio 2021 alle 20:23
😂😂😂 prevedo già di essere messo alla gogna 😃

. . .

inerro.land 30 gennaio 2021 alle 18:58 – idem come il precedente (qui sotto, in ordine cronologico inverso)
Grazie mille Mauro😉

. . .

2. zariele gennaio 30, 2021 8:38 am – un altro blogger gentile che ringrazia di essere stato citato la settimana scorsa; e lo fa a modo suo, spigliato e divertente.
Have a great (next) week! Alé oh oh… alé oh oh

. . .

1. chiedoaisassichenomevogliono, Gioco di specchi 30 gennaio 2021

corpus2020 30 gennaio 2021 alle 19:34
come lontanissimo docente che se ne occupò (con entusiasmo) tante volte, resto quasi folgorato dall’acuta interpretazione del significato della siepe che lo sguardo esclude dell’Infinito leopardiano; collocata nel contesto di un uso artificiale della natura, per negare la natura, apre interminati spazi anche all’interpretazione.
con tutto il sapore di un rifiuto della civiltà artificiale in nome dei sovrumani silenzi della natura non deformata. – molto bello anche il resto, naturalmente.

chiedoaisassichenomevogliono 30 gennaio 2021 alle 19:59
Devo dire che mi ha sempre colpito come nel ventennio si tendesse a chiudere gli spazi visivi con alberi fitti, specialmente cipressi. Ne sono un esempio i teatri greci, specie quelli di Siracusa che doveva avere la scena libera per ricongiungersi con la prospettiva del porto. la scena stessa veniva allagata per consentire, con la quinta del mare, le naumachie. Troppa vista, troppi orizzonti, inducono il pensiero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...