4 tipi diversi di lotta sociale al virus – 505

.

allora i vaccinati, che sono corsi a farsi fare l’iniezione, convinti oppure obbligati dal governo col ricattino greenpass, rischiano di diventare degli zombie? cioè una specie di morti viventi, di umanità perennemente infetta, costretta ad una vita limitata senza fine… mentre potranno cavarsela meglio proprio i non vaccinati, se sono stati in grado di uccidere il virus e di crearsi una immunità naturale di più lunga durata? prospettiva terrificante e devastante. io non oso pensare che sia vera, io spero che sia soltanto una mia fantasia malata di scrittore di fantascienza mancato…

era soltanto un dubbio, quello che scrivevo ieri, evidentemente, ma l’amico krammer mi ha dato sulla voce in un commento:

punto un all in sulla seconda 🙂 . certi vaccini immunizzano in un modo, certi altri in un altro, la malattia in un altro modo ancora (più completo ma non dosato). poi ci sono le risposte immunitarie dell’organismo, ed ognuno risponde alle sollecitazioni antigeniche a modo suo. da sempre ci sono persone che si contagiano lievemente e non riescono a togliersi dai piedi il virus.
ehi, è un coronavirus non scordiamolo
😀

adesso la maggior parte delle persone è vaccinata e dunque sono loro la maggioranza che si ritrova in questa situazione. in piccola parte ci ricade anche chi è già stato ammalato e poi guarito, e chi non è mai stato esposto agli antigeni del virus (mai contagiato nè vaccinato). banalizzando la teoria, il vaccino è uno schermo che permette di neutralizzare, in modalità individuali non per tutti identiche, una percentuale del virus entrato nel corpo. più o meno efficacemente.
quando l’esposizione al virus è bassa capita che il virus si annidi e rimanga isolato nelle zone del corpo meno controllate dalla risposta anticorpale (naso, bocca, occhi, orecchi ad esempio). fa poco o quasi nessun danno rimanendo isolato in nicchie periferiche, probabilmente diminuisce di molto la contagiosità dell’infetto che continua a restare positivo anche per mesi.
se ne discuteva anche qui più di un anno fa, se ricordo bene.

poi sono arrivati i vaccini che hanno messo un filtro di più livelli che riduce la carica virale introdotta dall’esterno. ma senza impedire che piccole quantità di virus si annidino e restino latenti. piuttosto è ragionevole pensare che un vaccino induce a frequenti situazioni di questo tipo, in modo simile ad un guarito, proprio perchè [il vaccino] riesce a limitare il raggio d’azione del virus; [questo] rispetto ad un individuo che non è mai stato esposto all’antigene e non ha sviluppato nessun tipo di memoria immunitaria che lo aiuti a contrastare il virus. ma è un bene se il positivo lieve ad interim non presenta sintomi e riduce molto il suo livello di contagiosità (sanitariamente parlando), piuttosto che si ammali gravemente con rischio anche di lasciarci le penne.
fino a quel momento sarebbe anche probabilmente molto più contagioso, anche se per un tempo decisamente più breve (in un caso o nell’altro…)

tutto qua. il resto, che potrebbe causare specificatamente un tipo di vaccino ad un certo soggetto, rientra nei casi di controindicazioni e non fanno numeri in statistica generale. ma ricordiamoci bene che anche il virus ha un sacco di controindicazioni 🙂

il modo migliore per proteggersi è non venire a contatto con il virus. se si viene a contatto, meglio essere vaccinati o guariti.

. . .

gli rispondo:

ma la tua obiezione, caro Krammer, ma non è un’obiezione! mi hai dato perfettamente ragione! almeno per alcuni vaccinati – ecco, semmai va sottolineato con più forza proprio questo, che si tratta soltanto di alcuni, non certo di tutti – l’azione del vaccino è incompleta già da subito, con effetti di immunizzazione parziale e conseguenze negative come quelle indicate anche da te.
ma siccome l’efficacia dei vaccini è decrescente, non è poi così fantascientifico DUBITARE, almeno secondo me, che questi effetti negativi possano crescere nel tempo e lasciare strascichi negativi anche permanenti in chi si è vaccinato, sempre intendendo alcuni fra loro.

questo rischio riguarda in particolare i vaccini a m-RNA messaggero! la mia diffidenza di naso fin dall’inizio sta uscendo confermata dalle prime ricerche scientifiche sulla permanenza in circolo di un 2% circa di proteina spike nell’organismo, con effetti potenzialmente dannosi, che POTREBBERO anche accumularsi col tempo: ricerca inglese.
ne ho parlato qui: a vent’anni da Genova, solidarietà incondizionata ai manifestanti no-greenpass – 486

ma sulle tue conclusioni generali sembra che siamo quasi perfettamente d’accordo. tu hai scritto: “il modo migliore per proteggersi è non venire a contatto con il virus. se si viene a contatto, meglio essere vaccinati o guariti.” io dico: “il modo migliore per proteggersi è non venire a contatto con il virus. se si viene a contatto, meglio essere guariti e, in mancanza, essere vaccinati”.
sembra un’inezia, ma invece è una differenza fondamentale. e ora provo a spiegarlo, perché porta a strategie completamente diverse nella gestione della pandemia.
la mia analisi nasce comunque dalla premessa che condividiamo: il vero fondamento di una lotta al virus è la protezione dal possibile contatto col virus: strumenti di protezione individuale e lockdown.

. . .

strategia 1, in assoluto la migliore: la strategia zero-Covid, seguita da Cina, Australia, Giappone, Corea del Sud, Islanda e Nuova Zelanda, cioè in sostanza in Estremo Oriente: tenere il virus fuori dal proprio territorio, testare massicciamente la popolazione, isolare drasticamente in caso di infezione – e usare sussidiariamente anche i vaccini come strumento di protezione, ma non in modo indiscriminato e universale.
https://bresciaanticapitalista.com/2021/10/21/cose-la-strategia-zero-covid-e-perche-solo-la-cina-sembra-seguirla-a-oltranza/

strategia 2: take it easy; solo la Svezia l’ha praticata fino in fondo, almeno per un periodo; ma altri paesi come il Brasile, il Regno Unito, gli USA di Trump l’hanno avuta come punto di riferimento mentale: lasciare che il virus faccia il suo corso, alla fine ci si libererà di una parte della popolazione fragile e improduttiva, con vantaggio di tutti, perché i sani sopravviveranno e il mondo spetta a loro.

strategia 3, vaccini ueber all; in assoluto la peggiore, perché è soltanto una strategia 2 in qualche modo corretta e pasticciata, rendendola incoerente. è la strategia vaccinale, seguita con diverse varianti locali in Occidente: non danneggiare la produzione, ricorrere a forme di isolamento solo in casi estremi (la valutazione specifica varia da paese a paese) e puntare ad una immunità di gregge raggiunta nei tempi più rapidi possibili con una vaccinazione universale. dentro ci deve stare anche chi non ne ha affatto bisogno: malati guariti e bambini, ad esempio; ma non importa: occorre arrivare subito il più vicini possibile al 100% di vaccinati. l’Italia di Draghi è il paese leader mondiale di questa strategia che mette al centro l’economia piuttosto che gli uomini, o meglio, per non essere troppo polemico, che cerca di salvare gli uomini assieme all’economia: i cavoli assieme alla capra che se li mangia.

. . .

proviamo a fare un bilancio, allora.

è sotto gli occhi di tutti che questa strategia 3 funziona nell’immediato (Italia), ma si sta rivelando inconsistente sulla media distanza nel resto del mondo che l’ha applicata iniziando prima: in Israele sono alla vigilia della quarta dose!!! e sembra di vedere un giocatore alla roulette che rilancia; insomma, la strategia vaccinale non funziona a lungo termine se non è associata a rigide forme di controllo sociale (se cioè non si avvicina almeno in parte alla strategia 1).

è altrettanto evidente che la strategia 1 funziona, anche se richiede certi requisiti speciali: disciplina sociale fortissima, insularità, disponibilità popolare al sacrificio.

resta da valutare la strategia 2, ma i suoi costi umani sembrano troppo alti e anche la Svezia l’ha talmente ridimensionata da averla di fatto abbandonata; persiste in diversi stati USA a guida repubblicana e, anche se non sono neppure tutti gli Stati Uniti, ma soltanto una sua parte, in quel paese ha avuto sinora un bilancio di 700mila morti, che è ben lontano dell’essere esaurito.

. . .

ma allora, quali sono le prospettive?

se non si vuole o non si può adottare la strategia 1 perché il tenore di vita delle popolazioni in Occidente è troppo elevato e non sarebbe accettata una sua riduzione pesante per salvare la salute, probabilmente servirebbe una strategia 4, nuova, di contenimento, fondata sulla priorità da dare alla immunità naturale piuttosto che a quella vaccinale (ecco perché dicevo che la differenza tra priorità all’immunità naturale o vaccinale può diventare sostanziale).

mi avventuro ad indicare quelli che mi paiono i fondamenti possibili di una nuova strategia, ben consapevole di essere un improvvisatore che butta lì soltanto degli spunti di riflessione possibile; non mi azzardo certo a pensare di avere qualche nuova soluzione in tasca!

1. adottare obbligatoriamente per tutti i dispositivi di protezione individuali ed essere inflessibili nell’imporne l’uso con multe e sanzioni adeguate, anche molto pesanti (come si fece a suo tempo per le cinture in auto o per il casco in moto);

2. puntare sulla immunità naturale di bambini, adolescenti e giovani sani, lasciandoli liberi di vaccinarsi oppure no, e stabilire l’obbligo della vaccinazione in tutta la popolazione per determinate categorie fragili;

3. obbligare allo stesso modo a vaccinarsi da una certa età in su;

4. però lasciare a tutti gli obbligati l’alternativa della scelta di un lockdown molto severo e controllato: negli Emirati Arabi Uniti si usava il bracciale elettronico!
ma in questa strategia deve essere chiaro che l’obiettivo non è quello di impedire la circolazione del virus, ma che il virus faccia danno.
quindi occorre sviluppare al massimo la ricerca nella direzione di medicinali efficaci più che nella direzione di vaccini che hanno effetti incompleti nella protezione e smetterla di preoccuparsi se i contagi crescono, perché i contagi dei giovani sani possono essere anzi salutari.

. . .

è per questo che io sto aspettando con ansia, per vaccinarmi, che legalizzino il novavax, un sano vaccino tradizionale, dato che un lockdown completo non potrei reggerlo, e ho una terribile crisi di astinenza da viaggi.

26 commenti

    • vedi che l’amministratore delegato è ben consapevole che Novavax “affronta [un] importante problema che rallenta la capacità del mondo di porre fine alla pandemia: […] l’esitazione al vaccino“.

      ma se prevale la linea del greenpass obbligatorio, che bisogno c’è più di rispondere a queste esitazioni? basta obbligare!

      ed è ovvio che il titolo Novavax crolla in borsa, se i governi si orientano all’italiana: poche ciance e maniere spicce, che piacciono sia ai burini e ai Giletti d’Italia sia ai cowboy delle praterie.

      "Mi piace"

      • Ma non lo so. Secondo me la stai trasformando in una battaglia politica. Ora è lecito avere dubbi sulla tecnica ed efficaccia, ma secondo me ormai lo stai rifiutando perché te lo forzano troppo. Non è che Novavax sia del tutto libero di qualunque rischio.

        Ad essere sincero vedo più il rischio di spike libere nell’organismo (che ti preoccupa parecchio) con il Novavax, che poi non è il virus disattivato ma solo le spike raggruppate attorno a nanoparticelle. Dell’mRNA critico il meccanismo troppo simile a malattie autoimmuni, poi magari mi sfuggono le differenze. E il fatto che le spike siano libere non mi preoccupa più di tanto.

        "Mi piace"

        • aspetto che tu vada avanti a criticarmi il Novavax…, così smetto di pensare di vaccinarmi almeno con quello, ahha

          e così magari mi tolgo anche di dosso la critica di fare una scelta politica dei vaccini.

          ma no, io cerco soltanto di capire, per il mio bene, quale è il vaccino meno controindicato per me; so bene che qualunque vaccino, qualunque medicamento hanno degli effetti collaterali – sto pigliando una pillolina contro il diabete che nel bugiardino dice che può produrre un cancro ai reni nell’1% dei casi: ho chiesto al medico di smetterla, ma lui mi dice che il rischio del diabete è più alto, e qui non stiamo parlando di contagi evitabili con prudenza e fortuna, ma di malattie in atto.

          ovvio che mi mancano anche gli strumenti per decidere in piena consapevolezza; la mia ignoranza tecnica è un altro fattore di incertezza probabilistica.

          sui danni della proteina spike libera, tuttavia, avevo letto che non sono così trascurabili…

          bo’, si vedrà.

          da queste parti intanto hanno riaperto il bel cinema di Vestone: io ho anche l’abbonamento a 5 spettacoli fatto nel 2019, e mi tocca stare a casa…. grrr.

          "Mi piace"

          • Con il vaccino sei ampiamente sotto l’1% per ora. Voglio dire… stai guidando a 200km/h e ti preoccupi della dieta? Haha

            Tornando alla spike, che sia libera non vedo che danno potrebbe fare. Semmai il danno lo fa se si presenta sulle cellule proprie come nel caso dei vaccini mRNA (Pfizer / Moderna) e adenovirus (Sputnik / AZ). Che sia libera, in ogni caso non si muove di suo, prima o poi verrà distrutta nelle pulizie del sistema immunitario. L’unico studio che ricordo è quello fatto su topi a cui era stata data una dose equivalente 5 volte superiore. In quel caso sono riusciti a individuare spike in cellule di altri organi comunque in quantità minima. Ma soprattutto la quantità di spike è molto più limitata nel vaccino rispetto all’infezione, quindi non mi preoccuperei della spike libera.

            Teoricamente sulla carta Pfizer per te. Ma solo se non crepiamo tutti entro 2 anni 🤔.

            "Mi piace"

            • non sono un medico e non so valutare; lo studio che ne parlava l’ho citato a suo tempo: gira per l’organismo e può creare aggregati di cellule varie, perché questa è la sua caratteristica: quella di aggregare.
              aggrega a volte cellule del sangue, e sono trombi; forse anche cellule nervose, ora non ricordo…
              non è detto che lo faccia sempre, certamente, ma lo può fare.
              tu dici che non lo può fare a lungo; può darsi, sei un lettore di riviste scientifiche più accanito dime, senza dubbio. ma anche se lo fa per qualche mese soltanto, quando lo fa quel tanto basta.
              mi pare di avere capito che il segreto che permette di interpretare diversi tipi di reazione avversa è proprio questo.
              ma vai a scovare l’articolo e fai le pulci a lui oppure a me, se lo ho capito male. 🙂

              "Mi piace"

              • Se è libera di sicuro non fonde alcunché, perché se anche beccasse un ricettore l’altra estremità non è ancorata a nulla. Il discorso cambia se la spike fa parte della membrana cellulare e fonde questa con quella della cellula vicina.
                Dubbio che avevo io, ma sembra che involontariamente l’abbiano escluso bloccando la spike nella condizione iniziale. Questo più per evitare la resistenza anticorpo-mediata.
                La spike infatti ha 2 conformazioni: iniziale e finale. Chiaro che quella utile era quella iniziale, e gli anticorpi ti servono contro questa che è anche quella che avrà il nuovo virus nell’incontro futuro.
                E qui potrebbe starci anche il dubbio tra immunità naturale e vaccinale. Può darsi che nell’immunità naturale gli anticorpi siano in parte contro la spike “finale” quindi inutili. Allo stesso tempo l’immunità naturale è più articolata quindi decidere quale è meglio avere dovrebbe richiedere dei test di laboratorio imparziali e sinceri.

                "Mi piace"

                • sto cercando il link all’articolo di quella rivista scientifica che riportava i risultati di questo primo studio inglese sui danni potenziali di quella piccola quota (al massimo 2%) della proteina spike che, rilasciata dai vaccini a m-RNA), circola nell’organismo e non rimane nel luogo dell’iniezione – ma scrivo troppo e adesso non ci riesco; possibile che a un segugio come te sia sfuggito? e che adesso tu non riesca a ritrovarlo?
                  ne parliamo con più conoscenza di causa entrambi, se tu lo trovi e lo leggi e io lo rileggo.
                  non ti so dire le tecnicalità, ma quel che ho detto sopra è la sintesi esatta, se non proprio dell’articolo, di quel che io ne ricordo: la proteina spike in circolo è in grado di aggregare cellule (anche se non lo fa sempre, ovviamente).

                  quanto all’immunità naturale acquisita rispetto al virus, è sicuramente molto meglio quella naturale che quella acquisita mediante vaccini a m-RNA, perché questa riguarda soltanto la proteina spike e quindi viene meno o si riduce se questa subisce modificazioni (come sta avvenendo con le varianti), mentre questo è molto meno meno probabile nell’immunità naturale, perché riguarda il virus nel suo complesso e quindi, anche se la proteina spike varia, rimane attiva l’immunizzazione verso altre componenti del virus.
                  questo ho letto e questo ho capito; ma ripeto che non sono del settore e non pretendo di avere il vangelo anti-covid in tasca; mi barcameno come posso. 🙂

                  "Mi piace"

                    • ahahah, non è proprio la ricerca che avevo visto io; inoltre l’articolo è datato; il preprint che avevo visto io era più recente e mi pare proprio che smentisse queste dichiarazioni.

                      ma ho provato a cercare il link, anche nel mio blog, ma non lo trovo; comincio a dubitare di essermelo sognato di notte… strano, però.

                      "Mi piace"

                    • Magari hai trasformato la nostra discussione in ricerca scientifica. Però ora che mi ci fai pensare qualcosa ricordo anch’io. Se lo trovi mandamelo.

                      In ogni caso le spike dei vaccini sono modificate rispetto a quelle del virus. Nella maggioranza dovrebbero essere inerti e svolgere più la finzione di copia statica. E poi bisognerebbe capire in che modo sarebbe “tossica”.

                      "Mi piace"

                    • no, no, sono abbastanza sicuro che era una fonte esterna; ho provato in tutti i modi, ma non riesco a scovarla nel mio blog.
                      possibile che ne abbia parlato soltanto in qualche commento? eppure non mi pare. purtroppo wordpress ha eliminato da tempo la funzione CERCA nei commenti e guardare lì dentro è impossibile, quando si sono superati i 10mila come qua…

                      la tossicità delle proteine spike vaccinali, a quel che ricordo, consisteva appunto nella capacità aggregante.
                      però se non ne vengo a capo, getterò la spugna globalmente, per subentrata diffidenza verso me medesimo, ahaha.

                      di recente c’è stato un altro episodio simile con un ricordo molto preciso e puntuale, non confermato in alcun modo…, sob.

                      "Mi piace"

                    • Haha. Ma come sta andando quella ricerca sulla memoria? Scherzo ovviamente. Con tutti i post che scrivi io mi sarei perso molto peggio di te. Fai il vaccino e vai al cinema 😅

                      "Mi piace"

                    • settimana prossima la terza puntata (telefonica)… ma non ho bisogno di risposte ufficiali (che mi daranno solo se emerge qualche problema), per ora me ne accorgo da me, ahha.
                      a proposito, il penultimo di oggi era il post 1.500; e i commenti, hanno superato settimana scorsa i 10mila, e la metà circa sono miei. non è giunto il momento di dargli un taglio con l’alzheimer che avanza? ahha.

                      a proposito: mi sono dimenticato di dirti nell’altro commento che andare a 200 all’ora non è un buon motivo per accelerare ancora e andare a 201…

                      ma non hanno inventato anche netflix, giusto per quelli come me che non vogliono vaccinarsi? 🙂

                      – sinceramente non lo userò mai: l’essenza del cinema, per me, è la sua fruizione condivisa, perfino quando in sala si è in tre.
                      mi è capitato soltanto una volta o due di essere in sala proprio da solo, ed era una cosa tristissima: ecco, questo è netflix.

                      "Mi piace"

                    • Non lo guardo Netflix. Mi sembra che sia pieno di serie televisive che devi seguire per 12 stagioni a 10 episodi… che è come spremere lo stesso limone tutto l’anno 🙄

                      In ogni caso, pare che i lockdown mirati si facciano strada
                      https://www.quotidiano.net/esteri/austria-lockdown-non-vaccinati-1.6952296
                      Quindi ti conviene andare a 201 km/h tanto se vai a sbattere l’effetto è lo stesso.
                      E poi metti che migliori anche la memoria come effetto collaterale… 😅

                      "Mi piace"

                    • ma io sono già in lockdown spontaneo! cosa vuoi che cambi per me? anzi, sogghigno vedendo che anche gli altri vaccinati si adeguano… e mi immagino le proteste, ridendo sotto i baffi.

                      dai, è la soluzione giusta. però poi facciano i tamponi ai vaccinati e mettano in lockdown anche chi trasmette il virus nonostante il vaccino…

                      che poi il vaccino possa migliorare la memoria puoi dirlo solo tu, per fare una battuta… 🙂

                      "Mi piace"

                    • I vaccinati saranno liberi. Almeno finché la quota di vaccinati si farà critica negli ospedali. Devono in qualche modo tenere in piedi l’economia. Mica vuoi che fallisca proprio nelle mani di Draghi 🤔…

                      "Mi piace"

                    • noi ne parliamo male e protestiamo, ma occorre ammettere che le cose non stanno andando malissimo, almeno al momento, e la maggior parte della gente dirà che è il risultato quello che conta. non serve a niente insistere perché guardino aldilà della punta del naso.

                      "Mi piace"

                    • Bisogna vedere se reggeranno. Ma ormai ci siamo e la prossima settimana avremo la risposta.

                      Piuttosto trovo strana una cosa. Si diceva che c’erano 3 milioni di lavoratori non vaccinati. Ma mettiamo pure che siano 2 milioni. I tamponi sono cresciuti di 200.000 al giorno. Che sono pure 400.000 in due giorni. Ma gli altri lavoratori… dove sono?

                      "Mi piace"

                    • sono tutti a casa in malattia????

                      i numeri dei non vaccinati cambiano continuamente, io ho rinunciato perfino a farmene un’idea precisa; oggi leggevo che in tutto sono più di 7 milioni… , con più di 12 anni; e non saranno tutti pensionati, vero?

                      quel che mi pare certo è che il numero dei vaccinati non è cresciuto di molto.

                      Draghi dev’essere proprio vissuto all’estero troppo tempo e avere dimenticato come è fatto il popolo che governa. qui non c’è niente di meglio che una imposizione autoritaria pe dare forza ad una disobbedienza che era tentennante.

                      prendi esempio da me: a questo punto vaccinarmi mi sembra quasi un tradimento…

                      "Mi piace"

                    • Mah… ammetto che ad inizio anno eri molto più aperto di me nei confronti del vaccino, tanto che pensavo di essere preso per NoVax. Poi però ti sei arroccato in un castello di opposizione a prescindere, nella speranza di non prendere il virus ed evitare anche gli effetti collaterali del vaccino. Sarà quella giusta? In alcuni casi sì, ma non in tutti.

                      Quanto ai lavoratori secondo me abbiamo scoperto che l’Italia si regge sul lavoro in nero. Anzi è l’occupazione principale nel paese. Ci è andata la polizia nei campi a controllare il GreenPass? Pareva che la quasi totalità ne fosse sprovista. Ora però non ho più sentito nessuno lamentarsi per il raccolto. Strano… ma non tanto 🥲

                      "Mi piace"

                    • 1. non mi pare di avere avuto tutta questa evoluzione che vedi tu sul vaccino, ma naturalmente potrei sbagliarmi: chi mi legge da fuori vede indubbiamente meglio di me che scrivo da dentro, e dunque la tua osservazione mi è utile.
                      io ricordo di avere sempre avuto una posizione critica (discussioni lunghe con krammer…) sui vaccini a m-RNA e ho detto sempre che non avrei voluto farli, e molto più possibilista sugli altri; ho in particolare difeso (a ragione!) Astrazeneca da una campagna diffamatoria chiaramente prezzolata.
                      ho sempre detto che se fossi stato ancora attivo e preside di una scuola, mi sarei vaccinato.
                      ho sempre detto che non mi sarei vaccinato mai, però, con un vaccino imposto alla cieca e che sapere prima che vaccino intendevano farmi era una condizione minima non contrattabile: non sono carne da macello.
                      non ho mai sconsigliato nessuno dal vaccinarsi ed ho tre figli che lo hanno fatto e con vaccini diversi.
                      io penso di non averne troppo bisogno (anche se una parte di rischio di sicuro c’è), vivendo isolato: oggi ad esempio non ho incontrato anima viva.
                      aggiungo che la vicenda del greenpass al momento attuale mi costringe quasi, in queste condizioni, a dare una testimonianza contraria a questo sopruso.
                      aggiungo che se vorranno imporre il lockdown a chi non si vaccina, dichiarando però il vaccino obbligatorio, lo troverò giusto.
                      quando lo stato stabilirà l’obbligo del vaccino, valuterò nel merito, ma non sono contrario in linea di principio.
                      ultimo: non è che non mi vaccino per paura; a 73 anni, di che cosa? ho già vissuto più a lungo di Socrate, la morte non può essere lontana e non mi fa paura, semmai di più i mali che possono precederla. credo, semplicemente, di dovere dare qualche testimonianza.
                      ma se sono stato davvero incoerente, mi spiace; forse anche la situazione, però, è diventata più incoerente, o sbaglio?

                      2. credo che tu abbia scoperto che l’Italia è fatta anche:
                      a) di pensionati, che non hanno bisogno di greenpass, soprattutto quelli con la pensione al minimo;
                      b) di lavoratori in nero, come dici tu;
                      c) di persone che comunque sono abituate ad aggirare le leggi, in particolare quelle stupide.
                      a me pare che con questa legge sul greenpass Draghi abbia voluto dare un contentino non so a chi, ma che adesso se ne stia fregando anche lui di come va davvero, da perfetto italiano. sbaglierò?

                      "Mi piace"

                    • I vaccini sono tutti impostati alla cieca. E comunque abbiamo Johnson (simile a AZ e Sputnik), Moderna/Pfizer rimasti. Quello cinese a virus disattivato in genere si evita di farlo a chi è più fragile perché potrebbe provocare il Covid. Tra quelli disponibili fanno scegliere. Quindi, ti saresti vaccinato o no? 😈

                      "Mi piace"

                    • senza possibilità di scelta no, comunque. ma magari, se fossi stato al lavoro, mi sarei spinto fino al centro vaccinale a vedere che cosa succedeva…
                      oggi, no: è un posto pericoloso! sto in semi-lockdown, ahha

                      "Mi piace"

                    • Hai la possibilità di scelta… tra quelli disponibili. Ma tu scegli sempre quello non disponibile perché non vuoi vaccinarti 😄

                      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...