fuoriblog dal 3 al 9 aprile 2021 – 151

la discussione più impegnativa che ho avuto negli ultimi sette giorni fuori casa, blogghisticamente parlando, è avvenuta sul blog di 4. gaberricci, che ha coraggiosamente aperto una riflessione sul porno; ma importante anche quella con 1. ricco&spietato, che ha annunciato la fine del suo blog e purtroppo non sembra intenzionato a ripensarci; poi trovate al solito qui soltanto qualche spunto antologico delle eccezionali esplorazioni fotografiche del mondo della natura svedese di 2. inerro.land; gli accosto 6. Monkey’s Tale, che ci presenta un reportage altrettanto eccezionale sul lago d’Inle in Myanmar: con 3. Francesca, 5. Rossatinta, 9. rosalba de cesare l’interazione è una felice abitudine, visto che offrono sempre intense riflessioni sulle loro esperienze con acuta sensibilità femminile; anche 8. Enrico Sanna ha offerto spunti di riflessione; e degna di nota anche l’amicizia via blog nata con un giovanissimo poeta indiano, 7. shayan das.

per il resto, ecco un commento forse scettico ricevuto sul mio canale YouTube e i soliti rinvii, abbastanza trascurati, al mio altro blog, bortoround, dove per la serie Quando si poteva viaggiare, sto raccontando ultimamente, dopo un accenno ad una escursione a Lerici con ritorno in Germania dell’aprile 2005, in particolare il mio viaggio in Etiopia del giugno di quell’anno.

. . .

9. rosalba de cesare, “Sul pilone del cavalcavia …” gocce di luna e di poesia 8 aprile 2021

corpus2020 9 aprile 2021 alle 7:56
poesia molto bella, asciutta ed essenziale.
e poi l’immagine della mano che dipinge “manco se me la tagli” è degna di Magritte. 😉

chiedoaisassichenomevogliono 9 aprile 2021 alle 7:57
Ogni cosa, sol che si voglia, è tavolozza di colori, spartito, pergamena di versi.

nellamentenelcuore 9 aprile 2021 alle 8:19
Si! grazie 🌹

nellamentenelcuore 9 aprile 2021 alle 8:31
Ero al mare e, ripartendo al mattino molto presto, vidi questo dipinto che mi rimase molto impresso. Grazie! 🌺

. . .

8. Enrico Sanna, Lo Spettacolo del Terrore 08 aprile 2021

corpus2020 08 aprile 2021 alle 05:41:
c’è un lapsus nel testo: il passo di Agostino sul tempo citato all’inizio non è nella Città di Dio, ma nelle Confessioni; del resto la Nota 2 lo dice chiaramente.

Enrico Sanna 08 aprile 2021 alle 10:43:
Errore mio. L’ho corretto. Grazie per la segnalazione. – E sì che all’università ho anche studiato il passo per un esame sulla concezione del tempo nel Medio Evo!

. . .

7. shayan das, Brightest Stars (Haiku) 9 mar 2021

corpus2020 8 apr 2021 at 1:01 am
hi, nice to read you. – I write anytime my haiku’s too. I hope You can understand my verses with the translator. – see you. – https://corpus2020.wordpress.com/category/versi/

Shayan Das 8 apr 2021 at 1:18 am
Thank you so much for commenting. I’ll surely read them with the help of google translate.

corpus2020 8 apr 2021 at 1:19 am
thank you for reading: I hope you will like they so much as I like yours. 🙂

. . .

6. Monkey’s Tale An Adventure Travel Blog, Fascinating Inle Lake

CORPUS2020 April 6, 2021 – wow, very nice pictures! I remember all! thank you!

https://www.youtube.com/user/bortocal/search?query=Inle

My Myanmar, videos 51-61

https://bortocal.wordpress.com/?s=Inle&submit=Cerca

MONKEY’S TALE April 6, 2021
It’s a fascinating place isn’t it. I hope the political turmoil settles down there soon. Maggie

. . .

5. Rossatinta, Volare o saltare, dipende. 6 aprile 2021

corpus2020 6 aprile 2021 alle 10:47 am
commovente. – e poi quel sogno di volare…: farebbe contento Freud… 🙂

. . .

4. gaberricci, Il padrone del… April 6, 2021 by

corpus2020 April 6, 2021 at 7:00 am
mi viene in mente una domanda: che rapporto c’è tra l’universalizzazione del porno online, di cui giustamente e coraggiosamente ti occupi, e il moralismo anti-maschile del nuovo femminismo di battaglia?
non è che il porno ha modellato anche l’immaginario delle femministe?
oppure dobbiamo pensare alla pornografia come ad una abitudine esclusivamente maschile?
sarebbe interessante scoprire che le femministe che attaccano il maschio in quanto tale stanno combattendo contro i loro sensi di colpa di spettatrici abusive…

gaberricci April 6, 2021 at 10:20 am
Secondo me è vero il contrario: il porno è costruito sull’immaginario maschile.

corpus2020 April 6, 2021 at 10:41 am
come, dici, il contrario? appunto, anzi!
le femministe sono donne che, attraverso il porno, hanno scoperto un certo immaginario maschile e pensano che TUTTO l’immaginario maschile sia quello.
perché il porno massifica e livella, uniforma e banalizza anche l’immaginario maschile, come del resto fa ogni tipo di produzione industriale con le sue merci…

gaberricci April 6, 2021 at 3:42 pm
Ah ok, non avevo capito il discorso. Mi sembra una visione eccessivamente semplificante del pensiero femminista, se non altro perché non credo che le femministe odino il maschile tout court, e penso non odiano nemmeno QUEL maschile lì: ho letto alcune femministe che scrivevano che quello che succede in camera da letto tra adulti consenzienti è fatto di quegli adulti e basta. Il problema semmai è portare quell’immaginario fuori dalla camera da letto… e qui torniamo a quanto ho scritto io, no?

corpus2020 April 6, 2021 at 4:39 pm
non ero stato chiarissimo, in effetti.
e adesso vediamo se riesco a capirti io 😉
sul fatto che l’immaginario sessuale delle società occidentali dipenda da un sistema che ha mercificato il sesso siamo pacificamente d’accordo. aggiungerei che i modelli di sessualità a cui occorre conformarsi, prima ancora che dal mercato del porno, tutto sommato di portata meno evidente, quantomeno, sono diffusi dalla pubblicità, diretta e indiretta. quanto ai modelli di vero e proprio comportamento nell’attività sessuale diffusi dal porno, non perderei di vista che si tratta comunque di un fenomeno relativamente di nicchia, che non condiziona più di tanto il resto del mondo: Cina, islam, Africa, per motivi diversi fra loro; e credo anche che gli esseri umani non siano facilmente controllabili più di tanto su questo piano, altrimenti le religioni avrebbero imposto i loro modelli di comportamento ovunque.
quanto al femminismo dei paesi occidentali ha indubbiamente diversi aspetti; io mi riferisco a quello alimentato dai media che controllano appunto l’immaginario sessuale di cui stiamo parlando. come credo che tu sappia già, sono convinto che la sua funzione storica attuale sia quella di alimentare un conflitto abbastanza artificioso tra i sessi, proprio allo scopo di nascondere la schiavizzazione in corso dell’immaginario erotico di tutti e tutte.
ma, tornando a te, a me non pare che quello che succede in camera da letto sia nettamente separabile dai comportamenti di significato erotico fuori: chi intende il sesso come manifestazione di virilità, prima che come espressione affettiva, avrà dei comportamenti corrispondenti a questo modello anche per strada o sul posto di lavoro, non credi?
e se il porno (ma più ancora la pubblicità) fanno intendere che il sesso è esibizione di potenza virile e di aggressività – quante automobili come simbolo fallico inondano le televisioni! – non si può contestare questa visione della vita sessuale come violenza piacevole anche per chi la subisce e poi dire che in camera da letto si può anche praticarla.
ma sento di essere stato ancora piuttosto confuso.

gaberricci April 7, 2021 at 8:48 am
In realtà no, ma penso che possiamo trovare un punto di incontro dicendo che pubblicità e porno si alimentano, a livelli diversi (e con pubblici diversi), l’un l’altro, imponendo un modello in larga parte maschilista; che è poi quello a cui sottostà anche il femminismo istituzionale, che per me non è affatto femminismo.

corpus2020 April 7, 2021 at 11:46 am
pubblicità e porno si alimentano fra loro, vero: si potrebbe anche dire perfino che il porno è il mondo dei valori del sistema pubblicitario applicato al sesso; del resto non ci si va troppo lontano se qualche escort pubblicizza le sue prestazioni con video adeguati.
non credo però – ma direi anche: non credo quindi – che si tratti di pubblici diversi, o meglio: preciserei che il pubblico del porno è diverso sì, ma soltanto nel senso che è un sotto-insieme del pubblico pubblicitario: fruire del porno non esclude affatto dal mondo dei clienti della pubblicità, anzi direi perfino che non riesco ad immaginare un spettatore del porno che non sia anche uno spettatore della pubblicità, egualmente condizionato sia dall’uno che dall’altra – che del resto in campo sessuale danno messaggi totalmente convergenti. – mi piace la definizione di femminismo istituzionale, mi sa che te la rubo e la combino con la mia di femminismo mediatico: ed ecco la sintesi “hegeliana”: femminismo istituzionale-mediatico. 🙂

gaberricci April 7, 2021 at 7:22 pm
Non saprei, forse quando penso alla pubblicità penso solo (sbagliando) a quella televisiva: ed almeno in senso generazionale, questa pubblicità ed il porno “dell’internet” non hanno affatto lo stesso pubblico. – Va bene… ma non nominare mai più Hegel :-).

corpus2020 April 7, 2021 at 8:08 pm
neanche per continuare a ironizzarci su? (su Hegel, intendo…)
non sono affatto sicuro che una parte del pubblico televisivo e dunque della pubblicità non fruisca, spenta la medesima, anche del porno. però hai certamente ragione che una parte del pubblico porno, quella più giovanile, non segue la tv (ma forse è raggiunta dalla stessa pubblicità direttamente online, comunque).

. . .

3. Francesca, Quale realtà si profila? aprile 5, 2021

corpus2020 aprile 5, 2021 alle 6:34 PM
quando il contadino è proprio in punto di morte, il guardiano gli rivela che lui era l’unico che avrebbe potuto aprire la porta.
ma questo splendido aforisma in forma narrativa, di Kafka, è adatto ai tempi del covid?
io credo di no…

Francesca aprile 5, 2021 alle 7:06 PM
Mi si è cancellato, Mauro, grazie! Ecco cosa avevo perso, eppure conoscevo il colpo di scena finale. Dopo ci risentiremo. Per la posta, bo non so. Ora riparto Ciao

Francesca aprile 6, 2021 alle 2:26 PM
Non so se ti ho spedito la risposta Mauro ciao grazie

corpus2020 aprile 6, 2021 alle 3:56 PM
ho ricevuto l’indirizzo mail e ho appena finito di scriverti… 🙂

Francesca aprile 6, 2021 alle 8:35 PM
Si ricevuto riscritto la mia giusto per chiarire punti essenziali.
Non possiamo salvare chi non vuole salvarsi. Questo è… Ho bisogno di tirare pugni su un attrezzo posto in casa. Un tempo vangavo. Grazie.
🕉️

. . .

2. inerro.land, Le somme di marzo / Evaluating March 3 aprile 2021

corpus2020 3 aprile 2021 alle 19:22
questo elogio dell’autodisciplina non puoi immaginare quanto mi ha fatto bene in un periodo in cui sto tendendo a svaccare… grazie.

inerro.land 3 aprile 2021 alle 20:21
Grazie mille a te, Mauro!
Non ti svaccare troppo, anche se sotto Pasqua ci sta
😃Auguri!

.

inerro.land, La beccaccia di mare / The oystercatcher 6 aprile 2021

corpus2020 6 aprile 2021 alle 20:27
tranquillo, Manuel, oggi ha nevischiato anche qui!

inerro.land 7 aprile 2021 alle 18:35
Ho sentito da alcuni contatti che l’inverno ha ripreso possesso di tutta Europa…

corpus2020 7 aprile 2021 alle 20:38
qui da me nelle prealpi bresciane per ora ha fatto solo una finta, e subito ha ripreso questa spaventosa siccità, solo, ora, gelida; mi dice mia figlia dagli Emirati che quest’anno non hanno visto una sola goccia di pioggia neppure loro, rispetto ai due o tre giorni d’acqua a cui erano abituati.

inerro.land 8 aprile 2021 alle 19:47
Ho sentito della siccità e, mi dispiace dirlo, prevedo piogge torrenziali e disastri 😥😥

se soltanto ci fosse un modo per avere le piogge, anche torrenziali, ma senza i disastri! 😉 – qui siamo veramente allo stremo, le perturbazioni annunciate sono passate lasciando dietro di sé i prati ancora spaccati dalla sete in larghe fessure che attraversano i pendii.

.

inerro.land, Il ritorno dell’inverno… / Winter throwback… 7 aprile 2021

corpus2020 7 aprile 2021 alle 20:43
vedo che ho anticipato il post di oggi col mio commento di ieri, eheh. – vale ancora, anche qui. 🙂

inerro.land 8 aprile 2021 alle 19:45
😃😃
Beh, dovevo sbrigarmi a postarlo questo, magari fra due giorni scoppia l’estate 🤣

corpus2020 9 aprile 2021 alle 08:06
vale anche per me allora: qui una stagione strana, che potrebbe essere estate per il sole, ma è inverno per le temperature – e addio frutta, temo, quest’anno.

. . .

1. ricco&spietato, Finale 3 aprile 2021

corpus2020 3 aprile 2021 alle 18:12
guarda che nel nuovo editore è sempre possibile l’opzione vecchio editore, o editore classico. – quando scrivi un post, la trovi cliccando sulla croce azzurra in alto a sinistra dopo la W di wordpress, ed è la sesta opzione della finestra a tendina: ci clicchi su e ti ritrovi nel tuo ambiente editoriale solito… – il nuovo editor è molto ostico ed è stato un vero tormento all’inizio; alcune cose credo di non averle ancora capite; comunque non è terribile come sembra; occorre farci la mano per una settimana, direi, e trovare le scorciatoie più adatte al proprio modo di scrivere. – e con questo, spero di leggerti ancora.

ricco&spietato 3 aprile 2021 alle 18:26
1) grazie! e grazie. – 2) sai che c’è: ci sono capricci che sono costretto a subire; i capricci che NON sono costretto a subire, ad esempio quelli di wp, me li levo d’attorno – ché la vita si fa ogni giorno più breve. – 3) e poi tanto ormai scrivo sempre le stesse quattro cazzate…

corpus2020 3 aprile 2021 alle 20:30
sul punto 2 nessuna obiezione, le scelte sono scelte; ma di una cosa sono assolutamente sicuro: scrivere allunga la vita: non nel senso banale che ci fa vivere più a lungo, ma in quello più sottile che la rende più memorabile, perché alla fine l’unica vita che ci resta è quella che ricordiamo e una vita scritta si ricorda meglio.
sul punto 3 posso dirti, senza sviolinature, che nel 50% dei casi a me offri sinteticamente qualche punto di vista originale al quale non sarei arrivato da solo, e dunque mi spiacerebbe perdere questa specie di spinta a guardare le cose da un punto di vista diverso.
a presto… 😉

ricco&spietato 3 aprile 2021 alle 21:32
“…alla fine l’unica vita che ci resta è quella che ricordiamo e una vita scritta si ricorda meglio.” – … ma il blocco note di windows è meno invadente e capriccioso. magari torno a lui, il primo (e manco è vero: conservo due o tre stilografiche sempre pronte al fuoco) amore… – quanto al punto tre, c’è il blog tuo; qualunque osservazione ditesca mi dovesse sovvenire, la depositerò lì. sempre col tuo permesso.

corpus2020 4 aprile 2021 alle 08:18
ottimo! sarai un ospite molto gradito, potrei perfino farti coautore, ma resterebbe il problema irrisolto dell’editor anche da me, e quindi non va. tu quindi commenta come ti pare, e poi vedrò io che cosa farne, se non me lo suggerisci direttamente tu. – quanto alla memoria delle cazzate commesse, io trovo comunque positivo farsele tornare sotto gli occhi, o per non rifarle, se possibile, oppure perché c’è in loro comunque qualcosa di meglio che nel non averne fatta nessuna.

siu 3 aprile 2021 alle 19:14
Ahò… a me però le tue quattro cazzate mi sghiribizzano, e non riesco a scrivere mi sghiribizzavano, autrement dit spero che la voglia di continuare a buttarle fuori ti faccia riconsiderare le indicazioni di corpus2020 (peraltro ti capisco benissimo, visto che anch’io mi rifiuto di subire ogni e qualsiasi capriccio non strettamente indispensabile, e già da un pezzo).
Bacio e mezzo!

ijkijk 4 aprile 2021 alle 07:18
… ci rimane sempre la settimana enigmistica di cui siamo certi che esce ogni giovedì. Ma non è la stessa cosa.

siu 4 aprile 2021 alle 08:13
… epperò è vero anche che il nostro riccio&spretato è spesso più criptico di un enigma, almeno per i miei tre neuroni.

corpus2020 6 aprile 2021 alle 12:56
nota a margine di un tuo commento sul mio blog: post pubblicato per sbaglio, e ritirato: ci vediamo sabato, quando sarà completo…

. . .

ancora un commento sul mio canale Youtube, a questo mio video:

How hard, how lucky is the life of the fishermen of Anjengo in Kerala – My S-W India 1 5

Amlad s Amlad 3 aprile 2021: Mmm

bortocal 3 aprile 2021: ?? why?

. . .

ed infine il solito riepilogo dei post di questi ultimi sette giorni sul mio blog bortoround:

Brescia – Lerici A-R, poi Stuttgart Brescia AR vari (e un mancato viaggio a Sofia) – 2-3 e 24-26 aprile 2005 – quando si poteva viaggiare. 115

Addis Ababa: i preparativi (con intermezzo berlinese) e la partenza. 4 – 19 giugno 2005 – quando si poteva viaggiare. 116

Addis Ababa. 20-21 giugno 2005 – quando si poteva viaggiare. 117

una parte del mio malessere ad Addis Ababa. 22 giugno 2005 – quando si poteva viaggiare. 118

nell’hotel in cui soggiorno ad Addis Ababa. 23 giugno 2005 – quando si poteva viaggiare. 119

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...